Recensione di Agorà

agora

Recuperando una vicenda perduta tra le pagine della storia, Alejandro Amenabar dirige un’ottima Rachel Weisz in Agora, un biopic intenso, che si fa anche portatore di un importante messaggio di tolleranza.
Sul finire del IV secolo d.C. Alessandria è ancora una città fiorente, a dispetto della rovina che sta calando sull’Impero Romano. Il faro e la nuova biblioteca sono i simboli dell’opulenza e della ricchezza culturale della città, dove Ipazia (Rachel Weisz), figlia di Teone (Michael Lonsdale), coltiva il suo amore per la scienza e la filosofia, che insegna con passione ai suoi discepoli.

Continua su: http://www.silenzio-in-sala.com/recensione-agora.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...