FRIEDKIN UNCUT – UN DIAVOLO DI REGISTA: LA RECENSIONE

La figura di Friedkin e l’importanza delle sue opere sono l’oggetto di Friedkin Uncut – Un diavolo di regista, documentario di Francesco Zippel, che nell’arco di 107 minuti costruiscono una narrazione che parte da L’Esorcista per tornare alle origini della famiglia Friedkin, per poi ripercorrere la carriera del regista fino al 2017.

CONTINUA

Recensione di Grindhouse: Deathproof

Quentin Tarantino torna sugli schermi ed è di nuovo l’apoteosi del nulla, ma con stile.
Death proof, che nella versione originale di Grindhouse è accompagnato da un secondo racconto intitolato “Planet terror” e diretto da Robert Rodriguez insieme a Eli Roth, Rob Zombie e Edgard Wright, è un inno ai B-movie e alle serie televisive degli anni ’70-’80, pieno zeppo di citazioni e rimandi e assolutamente inconsistente per quanto riguarda i contenuti.
Ormai si può dire senza timore di essere smentiti che Tarantino si sia specializzato in un tipo di cinematografia che basa tutta la propria essenza sulla forma, la superficie e il puro intrattenimento.
Dalla visione di Grindhouse, se non ci si aspettava di dover cogliere messaggi dal senso profondo, si esce assolutamente soddisfatti e divertiti, perché di fatto si tratta di un film assurdo e con una storia di una semplicità disarmante, ma con uno stile assolutamente indiscutibile.

http://www.liberamenteonline.info/index.php?option=com_content&view=article&id=272:grindhouse-deathproof&catid=45:silenzio-in-sala&Itemid=69