AMERICAN ASSASSIN: LA RECENSIONE

Dopo un inizio forte e drammatico, che richiama i tragici attentati di Sousse del 2015, American Assassin perde la propria carica drammatica man mano che ci si avvicina all’epilogo e finisce sulla scia degli action thriller americani più convenzionali e, in definitiva, banali. Il film, diretto da Michael Cuesta, è tratto dal romanzo di Vince Flynn: racconta una storia figlia dei nostri tempi, di paure enfatizzate dal sensazionalismo dei media e di una visione politica manichea molto trumpiana.

CONTINUA

Recensione di J. Edgar

J. EDGAR

F.B.I. è un acronimo il cui significato è noto a tutti. Lo stesso cinema, come la televisione, si è fatto carico di diffonderne il mito nel bene e nel male, rendendolo un’istituzione che ha contribuito non poco alla costruzione di una certa idea degli Stati Uniti e dei loro standard di sicurezza. John Edgar Hoover è stato l’anima e il direttore dell’FBI per decadi: entrato nel bureau sotto Coolidge, ne restò a capo fino alla morte, avvenuta 48 anni e 8 Presidenti dopo, diventando una delle figure di riferimento della storia organizzativa e politica degli Stati Uniti del ‘900. Clint Eastwood si focalizza su questo controverso personaggio, costruendo un biopic molto interessante e capace di dare espressione alle mille sfaccettature che compongono la complessità di un individuo. Il ritratto che emerge è tutt’altro che agiografico: J. Edgar viene svelato, tramite un montaggio che alterna sequenze riferibili a diverse fasi della sua vita, tanto nella sua figura pubblica quanto in quella privata, affrontandone le criticità senza edulcorarle.

Continua: http://www.silenzio-in-sala.com/recensione-j-edgar.html