BANG GANG: LA RECENSIONE

Anticipato da una pletora di critiche e osservazioni sul suo essere eccessivamente esplicito, quasi pornografico, orientato a raccontare i costumi dissoluti di un gruppo di adolescenti senza avere altro scopo che lo scandalo, arriva sul grande schermo Bang Gang, della regista francese Eva Husson.

CONTINUA

Recensione di Rocknrolla

rocknrolla

Che questo sia un film di Guy Ritchie si capisce semplicemente guardando poche scene prese a caso – il loro montaggio, le inquadrature, il ritmo – e tutte denunciano chiaramente lo stile del regista britannico, capace di raccontare in modo intrigante e molto personale la realtà dei bassifondi inglesi. E’ proprio in questo contesto che Ritchie ci riporta con la sua ultima opera: la Londra dell’espansione edilizia, cuore dello sviluppo occidentale e terreno, conteso fra malavita “autoctona” e d’importazione (russa, nella fattispecie), fra vecchie glorie, delinquenti minori e parvenu.

http://www.silenzio-in-sala.com/recensione-rocknrolla.html