A QUIET PLACE: LA RECENSIONE

John Krasinski dirige e interpreta, insieme alla moglie Emily BluntA Quiet Place – Un posto tranquillo un horror dalla storia semplice e lineare, reso avvincente e coinvolgente dall’estremizzazione di uno dei topos principali del genere: mantere il silenzio per non essere scoperti.

Evelyn (Emily Blunt) e Lee (John Krasinski), insieme ai tre figli Marcus (Noah Jupe), Regan (Millie Simmonds) e Beau (Cade Woodward) sono fra i sopravvissuti a quella che sembra essere un’invasione aliena profondamente ostile. La coppia vive in una zona di provincia, in un contesto in cui la minaccia è mortale, ma diventa concreta solo nel momento in cui si fa rumore.

CONTINUA

READY PLAYER ONE: LA RECENSIONE

Ready Player One è un libro cult, un vero manifesto della cultura nerd anni ’80, il prodotto della passione di Ernest Cline per i videogiochi, i film, la musica e i fumetti della sua adolescenza. Quel libro è stato ripreso da Steven Spielberg, regista che forse più di tutti ha fatto propria la capacità di trasmettere su grande schermo le passioni e l’entusiasmo dell’adolescenza: il risultato è un film che riesce a essere più grande del libro da cui è tratto; un’opera cinematografica che completa quel processo di sedimentazione che ha reso la cultura nerd anni ’80 un tratto distintivo del pop del secondo decennio degli anni 2000.

CONTINUA

TOMB RAIDER: LA RECENSIONE

A distanza di 15 anni dalla sua ultima apparizione cinematografica (Lara Croft: Tomb Raider – La culla della vita) Lara Croft torna sul grande schermo grazie a Roar Uthaug, con il reboot cinematografico della saga. In termini videoludici il film di Uthaug si ispira a un prodotto del 2013 che propone una Lara Croft ben diversa da quella presentata al mondo da Core Design nel 1996 e poi portata al successo cinematografico da Angelina Jolie: se a quel tempo Lara Croft era un’affermata archeologa, bella ed estremamente sicura di sé e dei propri mezzi, la Lara del reboot a opera di Crystal Dynamics per Square Enix è una giovane laureata, determinata a farsi un nome nel campo dell’archeologia, ma che non ha ancora maturato una piena consapevolezza di sé e delle proprie abilità, più vicina a una ragazza reale che alla supereroina degli anni ’90.

CONTINUA

QUELLO CHE NON SO DI LEI: LA RECENSIONE

Costruito a partire dal romanzo di Delphine De Vigan Da una storia vera, edito in Italia da Mondadori, Quello che non so di lei rappresenta il ritorno sul grande schermo di Roman Polanski, alle prese con due attrici di alto livello come la compagna Emmanuelle Seigner ed Eva Green. Danno vita rispettivamente alla scrittrice Delphine e alla sua ammiratrice Leila, che ama farsi chiamare “Lei”.

CONTINUA

BLACK PANTHER: LA RECENSIONE

Dopo averlo visto come comprimario in Captain America: Civil War, Re T’Challa, alias Black Panther (Chadwick Boseman), torna sul grande schermo con un film a lui dedicato, diretto da Ryan Coogler, portatore di novità più interessanti su carta che in video. Black Panther si situa cronologicamente dopo i fatti raccontati in Captain America: Civil War: T’Challa deve sostenere la prova rituale che lo incoronerà re di Wakanda, paese africano che dissimula di fronte al mondo la propria ricchezza e tecnologia.

CONTINUA

CARS 3: LA RECENSIONE

A distanza di 6 anni dal secondo episodio della serie, Saetta McQueen archivia le proprie esperienze spionistiche e torna a far ruggire il proprio motore nelle competizioni utili alla conquista della Piston Cup. Il tempo passato comincia però a farsi sentire, in particolare quando Jackson Storm, una macchina da corsa di ultima generazione, gli sottrae il titolo e induce tanti veterani al ritiro, aprendo la strada a nuovi protagonisti delle competizioni motoristiche.

CONTINUA

FREE FIRE: LA RECENSIONE

Nella Boston degli anni ’70, Chris (Cillian Murphy) e Frank (Michael Smiley) devono incontrare dei trafficanti d’armi per conto dell’IRA. L’incontro è stato organizzato con l’aiuto della bella Justine (Brie Larson) e del mediatore Ord (Armie Hammer), mentre le controparti sono rappresentate dal venditore sudafricano Vernon (Sharlto Copley) e dal suo socio Martin (Babou Ceesay). Fin dall’inizio lo scambio non sembra porsi nel migliore dei modi, e le cose non possono che peggiorare: non solo le armi richieste non corrispondono a quelle fornite, ma esiste un precedente importante fra Stevo (Sam Riley), tossicodipendente alle dipendenze di Chris e Frank, e Harry (Jack Reynor), autista della banda di Vernon. In questa polveriera basta una piccola scintilla per innescare una sparatoria dagli esiti disastrosi.

CONTINUA